990225936

E se domani, cinque scelte per recuperare il presente

Un ciclo di incontri con Fondazione Feltrinelli, la prossima tappa si tiene il 23 settembre in collegamento tra a Roma e Milano ed è dedicata alla “città”.

Un viaggio in Italia per costruire una riflessione collettiva

Eni è partner di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli in E se domani. Cinque scelte per recuperare il presente, una serie di incontri che coinvolgono cinque città italiane: Milano, Napoli, Roma, Genova e Taranto. Durante ogni tappa viene affrontato un tema prioritario per capire i mutamenti della realtà contemporanea: famiglie, scuola, città, ambiente e Sud. Insieme alle analisi di esperti italiani e internazionali, vengono presentate voci del territorio, esperienze di pratica e voci storiche, per comporre una riflessione collettiva su come ricostruire un’idea di comunità moderna, aperta e sensibile al cambiamento. Per immaginare un futuro sostenibile in cui ognuno abbia eque opportunità di formarsi, lavorare, fare impresa.

Il prossimo appuntamento è il 23 settembre ed è dedicato al tema della città. A Milano si tiene l’incontro in presenza, nella sede di Fondazione Feltrinelli, mentre Roma ospita collegamenti in diretta. Nella Capitale si svolge anche un workshop dedicato alle periferie che analizza il ruolo dei territori periferici nella produzione e cura di beni comuni e servizi come una leva per attivare un’imprenditoria dal basso. E proprio per sottolineare il legame positivo tra periferie e impresa, abbiamo scelto di portare nel workshop la nostra esperienza con Joule: la scuola gratuita di Eni per l'impresa del futuro.

Roma e la città

Al centro delle analisi e riflessioni della prossima tappa di E se domani ci sono le città che, osservate da una pluralità di punti di vista, vengono analizzate per interrogarsi su quale sarà il loro volto dopo la pandemia. Quanto le trasformazioni che stiamo vivendo mettono in discussione il nostro modo di vivere il contesto urbano? Keynote speaker è Richard Sennett (Senior Advisor to the UN on Climate Change and Cities / Columbia University), invitato a dialogare con Alessandro Balducci (Politecnico di Milano) con il contributo di Carmen Pellegrino (scrittrice e storica). Intervengono anche Giovanni Caudo (Università degli Studi Roma Tre, Presidente del Municipio Roma III), Daniela Patti (Eutropian) e realtà locali attive a Roma nella rigenerazione dei quartieri, nell’educazione e nella cultura. Modera Cinzia Poli (conduttrice radiofonica).

Le modalità di partecipazione

L’incontro si tiene il 23 settembre dalle 18.30 alle 20.00 a Milano nella sede della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, dove sono presenti in sala Richard Sennett, Alessandro Balducci e la moderatrice Cinzia Poli. Il pubblico può seguire l’incontro di persona e l’ingresso è libero e gratuito fino a esaurimento posti, nel rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza sanitaria. In collegamento da Roma, invece, intervengono Giovanni Caudo, Daniela Patti e altri rappresentanti di realtà locali. L’evento è trasmesso anche in diretta streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul sito di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Il workshop sulle periferie

Nel pomeriggio di mercoledì 23 settembre, dalle 16.00 alle 18.00, prima dell’incontro con gli ospiti, a Roma si tiene il workshop Ripensare le periferie, dopo la pandemia. Mentre le città continuano a crescere, nelle periferie troviamo pratiche ed esperienze in grado di rigenerare il tessuto sociale ed economico, in particolare in un periodo di crisi così intenso come quello che stiamo vivendo. Consapevoli del legame tra questi luoghi e i mondi dell’innovazione e dell’impresa, interveniamo presentando l’esperienza con Joule: la scuola gratuita di Eni per l'impresa.

Eni e FeltrinelliCamp

Eni è partner anche di FeltrinelliCamp, workshop internazionale che nell’edizione 2020 si tiene sabato 3 e domenica 4 ottobre ed è intitolato Transformative economies: from the Circular Economy to the Green New Deal. L’oggetto di studio sono le “nuove economie” o economie trasformative, analizzate nella loro capacità di essere resilienti nelle crisi come quella che stiamo vivendo e di sostenere la transizione verso nuovi modelli di produzione: dalla filiera corta all’economia circolare, dall’innovazione digitale all’approccio a chilometro zero. Il workshop è interamente in lingua inglese e i partecipanti sono stati selezionati da un bando di Fondazione Feltrinelli: sono ricercatori, practitioners, giornalisti e startupper da tutto il mondo, chiamati a dialogare con esperti provenienti da Università e centri di ricerca, dalle istituzioni e dal mondo dell’economia. Gli speaker sono in presenza o in collegamento, anche in funzione della loro provenienza geografica. Il pubblico può seguire gli incontri di persona o in streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul sito di Fondazione Feltrinelli.

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

La Fondazione Giangiacomo Feltrinelli è uno dei maggiori centri europei di documentazione e ricerca nel campo delle scienze storiche, politiche, economiche e sociali che contribuisce a dare dignità al pensiero e alla riflessione sul mondo che ci circonda. Suo principale ambito di indagine sono le dinamiche del cambiamento, da cui partire per discutere e aggiornare formule di convivenza improntate a una maggiore equità.

Tutte le tappe del percorso di E se domani

Dopo i primi incontri di Milano (16 gennaio) e Napoli (11 febbraio), dedicati a famiglie e scuola, e dopo una pausa di alcuni mesi imposta dalla pandemia, E se domani riprende con la tappa a Roma di giovedì 23 settembre, dedicata alle città, per poi proseguire a Genova (21 ottobre) e Taranto (3 novembre), dove affronta rispettivamente i temi dell’ambiente e del Sud.