cover-trasformazione-eni-ultimi-cinque-anni.jpg

La trasformazione di Eni dal 2014

Riduzione del debito, aumento della produzione e nuovi modi per differenziare la nostra compagnia.

Efficienza e integrazione

Abbiamo costruito una nuova Eni fondata sull’efficienza, l’integrazione e l’impiego di nuove tecnologie. La seguente infografica sintetizza i principali risultati ottenuti per ciascun obiettivo e le strategie adottate per raggiungerli.

PDF 166.06 KB

Gli obiettivi del Piano Strategico 2019-2022

Nell’ambito della presentazione della strategia 2019-2022 gli obiettivi stabiliti nel piano strategico precedente sono stati rivisti come segue, prendendo in considerazione i progressi avvenuti in tema di: scoperte esplorative, produzione CAGR, breakeven dei progetti Upstream, volumi contratti LNG al 2025, breakeven di raffinazione LT e strategia di decarbonizzazione.

Le azioni intraprese per raggiungere gli obiettivi di piano

1.Trasformazione in una società O&G integrata

Centralizzazione delle funzioni di supporto. Tutti i business rispondono direttamente all’AD.
Vendita delle partecipazioni in Snam e Galp. Diluizione della quota in Saipem dal 43% al 30,5%, assicurando il deconsolidamento del suo debito.

2.Rafforzamento dell’Upstream 

Successo del Dual exploration model incentrato sulla nostra leadership nell’esplorazione.
Sviluppo integrato dei nuovi progetti: approccio ‘design-to-cost’. Migliore controllo sull’esecuzione: internalizzazione delle competenze e piena integrazione di tutte le fasi della catena logistica. Portafoglio di asset convenzionali e livello elevato di gestione diretta.

3. Ristrutturazione del Mid-Downstream

Rinegoziazione dei contratti a lungo termine e recupero di Take-or-Pay.
Società dedicata all’attività di distribuzione al dettaglio di gas ed elettricità, ‘Eni Gas e Luce’.
Più forte integrazione di G&P e Upstream per sviluppare il settore internazionale del GNL.
Ottimizzazione della capacità di raffinazione e riconversione degli impianti in bioraffinerie.
Ottimizzazione della capacità produttiva di prodotti chimici e maggiore attenzione su specialties ad alto margine.

4. Disciplina finanziaria

Uscita da attività non strategiche e flessibilità derivante dal Dual exploration model.
Risparmio strutturale di costi e investimenti. Crescita dell’Upstream e rilancio del Mid-Downstream. Politica dei dividendi sostenibile.