Africa

È il continente in cui abbiamo mosso i primi passi fuori dall’Italia nel 1954 e dove trovano spazio i capisaldi del nostro modello di business.

cover-africa-1280.jpg

Il passato, il presente e il futuro dell'azienda

Nuove energie dal continente africano

Come differenziamo le nostre fonti di approvvigionamento energetico in collaborazione con i partner africani.

4/4
impianto-algeria-2022.jpg

In Algeria una nuova scoperta a olio e gas

Il 7 settembre 2022 abbiamo acquisito le attività di BP sul territorio, dove opereremo due nuovi importanti giacimenti a gas e liquidi associati, In Amenas e In Salah. A marzo 2022 abbiamo annunciato una importante scoperta a olio e gas associato nel Berkine Nord del deserto algerino. Siamo presenti nel Paese dal 1981 dove siamo operatori di diversi permessi minerari. 

La partnership strategica con l'Algeria e Sonatrach è stata sancita a dicembre 2021 con la firma di un protocollo d'intesa nell’ambito della transizione energetica, che prevede la valutazione di opportunità nei campi delle rinnovabili, dell’idrogeno, dello stoccaggio della CO2, della bioraffinazione e di altre iniziative in linea con la decarbonizzazione.

APPROFONDISCI
eni-nel-mondo-angola-2.jpg

In Angola con la joint venture Azule Energy

A marzo 2022 abbiamo firmato con bp un accordo per la creazione della nuova società energetica internazionale Azule Energy, la più grande in Angola per produzione, con partecipazioni in 16 licenze,  oltre a partecipazioni in Angola LNG JV.

Tramite Azule Energy, contribuiremo a sviluppare il potenziale del settore dell' esplorazione e produzione di idrocarburi del Paese, e parallelamente ci impegneremo a cogliere le opportunità offerte dalla transizione energetica, grazie al ruolo crescente del gas e delle rinnovabili nel nostro portafoglio.

APPROFONDISCI
eni-nel-mondo-congo.jpg

In Congo per la transizione energetica

Per favorire il processo di decarbonizzazione del Paese, a ottobre 2021 abbiamo firmato un memorandum d’intesa per lo sviluppo congiunto di materie prime agricole per la bioraffinazione.

L'accordo apre una nuova area di attività per Eni nella Repubblica del Congo e si fonda sull'impegno di contribuire alla decarbonizzazione del mix energetico dei Paesi africani, facendo leva sul contributo che i biocarburanti possono dare per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050.

APPROFONDISCI
eni-nel-mondo-mozambico-sfumatura.jpg

Ampliamo la filiera di biofuel in Mozambico

Abbiamo recentemente firmato un accordo con il Ministero dell'Agricoltura e dello Sviluppo Rurale del Paese per avviare la coltivazione di semi oleaginosi e oli vegetali che fungeranno da agro-biofeedstock per la produzione di biocarburanti.

 

Siamo presenti in Mozambico dal 2006. Qui abbiamo avviato i progetti Coral South e Rovuma LNG per la produzione e liquefazione di gas. La cooperazione per lo sviluppo di progetti agricoli è un passo importante per favorire lo sviluppo locale e accelerare la transizione energetica nei Paesi che ci ospitano.

APPROFONDISCI

Le nostre sfide

Siamo al fianco del continente africano nel ruolo sempre più strategico che riveste a livello internazionale, con l'obiettivo di contribuire alla transizione energetica attraverso l'accesso della popolazione a forme di energia a basso impatto ambientale.

La storia del cane a sei zampe non può prescindere dal suo rapporto con l’Africa: passato presente e futuro per Eni, l’Africa è il continente in cui abbiamo mosso i primi passi fuori dall’Italia a partire dal 1954. Il continente più antico dove ha avuto origine la vita dell’uomo, oggi, con quasi il 70% della popolazione sotto i trent’anni, l’Africa sta assumendo un ruolo sempre più strategico nel contesto internazionale, sia a livello geopolitico che economico. Mentre il Nord Africa sta cominciando ad affrontare la sfida della transizione energetica, l’Africa subsahariana si trova ancora immersa in quella dell’accesso all’energia, da cui centinaia di milioni di persone continuano a restare escluse. Ciò riguarda in particolare l’accesso a forme pulite di energia (si pensi al clean cooking), che è una delle basi per migliorare la qualità della vita delle comunità e favorirne lo sviluppo. Sfide complesse per un continente la cui rapida crescita economica e demografica necessita quantità di energia sempre più rilevanti e dove la transizione energetica richiederà la valorizzazione delle sue abbondanti risorse, a partire dal gas, che grazie al suo minor impatto emissivo rispetto alle altre fonti fossili risulta essere un combustibile ponte ideale sulla via della decarbonizzazione del mix energetico.

La strategia

Puntiamo al rafforzamento del nostro portafoglio tradizionale, promuovendo parallelamente un modello di economia circolare più rispettoso del pianeta, sostenendo iniziative di sviluppo locale e di protezione delle foreste in linea con l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

In Africa trovano spazio i capisaldi del nostro business: il percorso di decarbonizzazione, il modello di cooperazione e il modello operativo. Oltre al rafforzamento e alla diversificazione del nostro portafoglio tradizionale sempre più incentrato sulla valorizzazione del gas naturale e a contribuire ad assicurare un approvvigionamento di gas naturale stabile e sicuro dai principali partner energetici del Nord Africa, promuoviamo nel continente iniziative di sviluppo che coinvolgono sempre più attori per una crescita durevole e continua, improntata a un nuovo modello di economia circolare e low-carbon, puntando su tecnologie innovative proprietarie. Nell’ambito dell’economia circolare, il continente africano è al centro della nostra strategia di approvvigionamento sostenibile di feedstock per le bioraffinerie, la quale coinvolge numerosi paesi (tra i quali Congo, Costa d’Avorio, Kenya, Angola, Mozambico, Benin e Ruanda) in nuove forme di partenariati  di lungo termine con il mondo agricolo locale, che prevedono lo sviluppo di una rete di agri-hub volti alla raccolta e al trattamento di culture a basso rischio di Indirect Land-Use Change (ILUC) e alla valorizzazione di scarti e residui agricoli non in competizione con la filiera alimentare. Grazie a questi innovativi progetti è possibile dare nuovo valore ai terreni marginali, contribuendo nel contempo allo sviluppo economico delle comunità coinvolte. L’Africa è anche destinazione di iniziative relative alle nuove tecnologie pulite e proprio nel corso del 2021 abbiamo siglato accordi con paesi di presenza storica come l’Algeria o l’Egitto per valutare progetti congiunti per la produzione di idrogeno e per la cattura, utilizzo e stoccaggio di CO2. Inoltre, continuiamo a collaborare con diversi paesi dell’area per assicurare all’Italia e all’Europa l’approvvigionamento sicuro e stabile del gas naturale in eccesso rispetto alla domanda locale.

Le nostre attività di business vanno di pari passo con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, che Eni persegue promuovendo progetti di sviluppo locale, con particolare attenzione per la crescita sostenibile e inclusiva del settore agricolo, cruciale nell’Africa subsahariana. Un esempio è il nostro progetto Africa, un’importante iniziativa promossa nel continente assieme ai consorzi agrari e molte PMI italiane del settore, che punta alla formazione del personale locale e alla creazione di filiere integrate di produzione per il mercato interno. Grazie a progetti di conservazione dell’importante patrimonio forestale qui presente, contribuiamo inoltre al raggiungimento di uno dei nostri obiettivi principali, la decarbonizzazione. Ciò sarà possibile anche grazie ai progetti REDD+, uno schema concepito dalle Nazioni Unite che prevede attività di conservazione delle foreste, grazie ai quali sarà possibile migliorare la capacità di stoccaggio naturale della CO₂ e favorire al contempo lo sviluppo delle comunità locali attraverso la promozione di attività socio-economiche.

1292362639

Il sostegno di Eni alle Natural Climate Solutions

Nella nostra strategia di decarbonizzazione, le soluzioni basate sulla natura hanno un ruolo importante per compensare le emissioni GHG residue.

APPROFONDISCI
hero-image-africa-mobilita.jpg
Storie

Una nuova energia per l’Africa di oggi e domani

La transizione energetica nel continente africano passa dai biocarburanti, da accordi su nuove fonti di energia e forme alternative di produzione.

diEni Staff
15 dicembre 2021
8 min di lettura
sostenibilità africa angola energia solare
Storie

L’Africa delle rinnovabili

Aumentano gli investimenti di Eni nell’energia rinnovabile in Africa, per agevolare la transizione energetica del continente.

diEni Staff
22 febbraio 2021
11 min di lettura
Generic-launch-agri-seeds.jpg

Seeds for Energy

Le iniziative Eni per l’integrazione verticale nella bioraffinazione. Un viaggio per immagini alla scoperta degli agri-hub Eni tra Italia e Africa.

Scopri il photobook
84544784
4/4

Investimenti per lo sviluppo locale in Africa nel 2021

nell’area Sub-Sahariana principalmente nell’ambito dello sviluppo e manutenzione di scuole
28,8mln €
investiti nell’area Sub-Sahariana
a favore delle comunità
14,3mln €
investiti in Africa in sviluppo infrastrutturale
37,1 mln € spesi in Africa per lo sviluppo locale nel 2021
inaugurata in Egitto per incrementare il numero di giovani e adulti con competenze tecniche
1
Zohr Applied Technology School
contribuisce a favorire l’accesso all’energia nel Paese
484 MWpotenza
installata nella centrale elettrica CEC in Congo

Totale superficie netta sviluppata e non sviluppata in Africa nel 2021

al 31 dicembre 2021
4.732km²
superficie totale netta in Algeria
al 31 dicembre 2021
10.755km²
superficie totale netta in Marocco
al 31 dicembre 2021
5.639km²
superficie totale netta in Angola
129.167 km² superficie totale netta
al 31 dicembre 2021
13.294km²
superficie totale netta in Libia
al 31 dicembre 2021
1.306km²
superficie totale netta in Repubblica del Congo
al 31 dicembre 2021
495km²
superficie totale netta in Ghana
al 31 dicembre 2021
4.349km²
superficie totale netta in Mozambico

I programmi per migliorare l’accesso all’energia in Africa nel 2021

completata attività di front end per la prima fase (start up 2022)
1Caraculo
impianto fotovoltaico in Angola
Energia in Africa parte integrante del modello di business di Eni
incremento della capacità di generazione elettrica, le attività sono state completate
1CEC
centrale elettrica in Congo
incremento della capacità di generazione elettrica, le attività sono state completate
1Okpai
centrale elettrica in Nigeria

I programmi per migliorare l’accesso all’acqua in Africa al 2021

avviata grazie al progetto integrato Hinda
30pozzi
nella Repubblica del Congo
Acqua in Africa il nostro impegno
in collaborazione con FAO
22pozzi
avviati in Nigeria
tramite il Progetto Sociale Integrato
8pozzi
in Angola

Gira il tuo smartphone per scoprire di più

I principali progetti sviluppati nel continente africano

Sviluppiamo le attività di business sul territorio, favorendo la crescita socio-economica locale.

3/3
cover-coralsul-prova3.jpg

Coral South: un modello per il Mozambico

Coral South è il primo progetto avviato nel Paese per lo sviluppo delle risorse di gas scoperte nel bacino di Rovuma, nell’area 4 dell’offshore del Mozambico.

Il progetto prevede la produzione e la vendita del gas contenuto nella parte meridionale del giacimento di Coral mediante Coral Sul, un impianto galleggiante di liquefazione di gas naturale con una capacità di 3,4 milioni di tonnellate di GNL, alimentato da 6 pozzi sottomarini.

scopri Coral South
Cover Zohr

Zohr: il giacimento gigante dell'Egitto

Il giacimento offshore è considerato la più grande scoperta di gas mai realizzata in Egitto e nel Mar Mediterraneo.

Al 31 dicembre 2021 le riserve certe del giacimento Zohr di competenza Eni erano pari a 706 milioni di boe.

Scopri Zohr
Progetto Hinda in Congo

Progetto Hinda per lo svilippo del Congo

Contribuiamo a promuovere lo sviluppo socio-economico dei villaggi del distretto di Hinda in Congo grazie all’accesso all’acqua potabile, al miglioramento dei servizi sanitari e alla promozione della formazione primaria.

Grazie al centro di formazione professionale per agricoltori CATREP favoriamo lo sviluppo delle attività agricole sul territorio.

Scopri Hinda
cover-programma-diversificazione-economica-2.jpg

Nuova energia alla diversificazione economica in Africa

In Nigeria, Ghana, Kenya e Mozambico abbiamo avviato diversi programmi dedicati ai giovani imprenditori, affiancandoli nella formazione e sostenendoli finanziariamente.

Scopri di più

La nostra presenza

La prima impronta sul territorio il cane a sei zampe l’ha lasciata nel deserto egiziano a dicembre del 1954 e oggi l’Africa fornisce oltre la metà della nostra produzione totale di greggio e gas naturale.

168883690
eni-nel-mondo-angola-2.jpg
eni-nel-mondo-repubblica-congo-2.jpg
eni-nel-mondo-hero-costa-avorio.jpg
1324187713
eni-nel-mondo-hero-gabon.jpg
eni-nel-mondo-hero-ghana-1.jpg
eni-nel-mondo-hero-kenya.jpg
1384912862
eni-nel-mondo-hero-marocco.jpg
eni-nel-mondo-mozambico-maputo.jpg
eni-nel-mondo-hero-nigeria.jpg
687785951
986339922

Scenari energetici e geoeconomici

Per comprendere un presente sempre più complesso è necessario abbandonare le visioni univoche sulla realtà. Per questo offriamo una panoramica sui Paesi che tenga conto di una molteplicità di aspetti che si intrecciano tra loro: dalle riflessioni sulle vicende storiche alla politica energetica, dalla geoeconomia alla spinta verso la digitalizzazione.

1065536790
Storie

Il sogno green del Kenya

Innovazione e dinamicità sono due aspetti di punta del Paese che punta a un futuro sostenibile, grazie agli investimenti nelle rinnovabili.

diEni Staff
21 giugno 2021
2 min di lettura
Il risveglio dell'età dell'oro
Storie

Il Risveglio dell’Età dell’Oro

Il Ghana è stato il primo Paese sub-sahariano a diventare indipendente nel 1957. Oro, cacao e petrolio: questi i settori che alimentano la sua crescita. Obiettivo futuro: l’indipendenza energetica.

diEni Staff
29 settembre 2020
1 min di lettura