852092904

Sempre più forti nelle rinnovabili, le energie green

Le energie ottenute da fonti rinnovabili come il solare, l’eolico e il moto ondoso, definite green, sono sempre più presenti nella nuova Eni perché fondamentali per raggiungere la neutralità carbonica.

Un progressivo aumento della capacità installata

La nuova Eni ha messo le energie rinnovabili al centro della propria strategia e si pone l’obiettivo di raggiungere i 55 GW di capacità installata entro il 2050. Partendo dagli 0,2 GW del 2019, abbiamo suddiviso il percorso in tappe precise che abbiamo anticipato nel Piano Strategico di Lungo Termine al 2050. Anche questo nostro impegno crescente nelle energie green fa parte della trasformazione che stiamo vivendo dal 2014 e contribuisce ad avvicinarci a un traguardo più generale: raggiungere entro il 2040 la neutralità carbonica netta di tutti i business Scope 1 e Scope 2. Nel concreto, significa eliminare o compensare le emissioni di gas climalteranti dovute direttamente ai nostri asset (Scope 1) e quelle derivate dal consumo di energia elettrica, calore e vapore che acquistiamo da altre aziende (Scope 2).

1077316194
1/1

Sulla strada delle rinnovabili

0,2GW
Capacità installata da rinnovabili nel 2019
3GW
Capacità installata da rinnovabili nel 2023
> 55 GW Capacità installata da rinnovabili nel 2050
5GW
Capacità installata da rinnovabili nel 2025
15GW
Capacità installata da rinnovabili nel 2030
25GW
Capacità installata da rinnovabili nel 2035

Gira il tuo smartphone per scoprire di più

Con Falck Renewables per le rinnovabili negli USA

A dicembre 2019 abbiamo firmato un accordo strategico con Falck Renewables per lo sviluppo congiunto di progetti di energia rinnovabile negli Stati Uniti d’America. In questo modo abbiamo creato una piattaforma unica per mettere a sistema le rispettive competenze nei diversi ambiti tecnici, con l’obiettivo comune di sviluppare, costruire e finanziare nuovi progetti nel solare fotovoltaico, nell’eolico onshore e nello stoccaggio. Ad agosto 2020 questa collaborazione si è arricchita di un ulteriore accordo per l’acquisizione di 62 MW di impianti eolici e solari in esercizio e fino a 160 MW di progetti eolici in sviluppo negli Stati Uniti. La produzione di questi impianti in esercizio contribuirà a compensare oltre 93.000 tonnellate di CO₂ all'anno. Un ulteriore progetto solare da 30 MW, infine, verrà acquisito grazie a un accordo firmato a novembre 2020. Una volta entrato in esercizio, questo impianto fornirà energia green a una utility regionale che la distribuisce a famiglie e industrie, evitando oltre 33.000 tonnellate di CO₂ all’anno.

L'impegno per perseguire gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Onu

La nostra storia è naturalmente legata agli idrocarburi. Ma questo non ci impedisce di guardare all’energia pulita di oggi e di domani con interesse, impegno, e realizzando importanti investimenti. In particolare, l’obiettivo n. 7 per lo Sviluppo Sostenibile dell’Onu, iscritto nell’agenda per il 2030 entrata in vigore nel 2016, impegna tutti a lavorare per conseguire l’accesso universale a fonti di energia convenienti e pulite. Questo obiettivo è fondamentale in sé, ed è la base per il conseguimento degli altri obiettivi previsti dall’agenda.
In linea con l’obiettivo di garantire un futuro a basse emissioni di carbonio, alla fine del 2015 è stata creata la nuova direzione di Eni: Energy Solutions. Il direttore dell’Unità riporta direttamente all’Amministratore Delegato, e il suo obiettivo è definire strategie per lo sviluppo del business delle energie rinnovabili, assicurando la realizzazione e la gestione degli impianti e la vendita di energia. Nel 2019, inoltre, Eni gas e luce, società controllata al 100% da Eni SpA, ha acquisito la società Evolvere, diventando leader nella generazione distribuita di energia rinnovabile da impianti fotovoltaici in Italia.

Partnership di alto livello con i Paesi in cui operiamo

Il nostro impegno nelle energie rinnovabili è complementare rispetto al business tradizionale, e anno dopo anno stiamo realizzando con successo elementi di efficienza, valore e sinergie. È su queste basi che abbiamo definito un modello di business per lo sviluppo delle energie rinnovabili che si fonda su alcuni vantaggi competitivi davvero peculiari, potendo contare sulla presenza globale di Eni e su un ampio portafoglio di asset industriali, nonché un’attitudine consolidata alla ricerca e allo sviluppo, spesso rafforzata da partnership con università importanti, come il MIT o i Politecnici di Milano e Torino.

Sicuramente, infine, ci aiutano l’abitudine a costruire prodotti e processi su larga scala, che per le rinnovabili sono particolarmente importanti, nonché la capacità di attivare diversi tipi di leve finanziarie, numerose e flessibili, in base alla natura dei progetti e alla loro posizione geografica, in modo da sfruttare al meglio il sole e il vento dei paesi in cui operiamo. Esemplificativo di questo potenziale è l’importante sviluppo delle rinnovabili in un paese da sempre target per gli idrocarburi e per Eni, come l’Algeria. La maggior parte dei nostri progetti all’estero si concentra peraltro in Africa, ma stiamo lavorando anche in Pakistan, Kazakhstan e Australia. La sfida di fornire energia conveniente e pulita in tutta una nazione è più complessa nelle nazioni più povere e vulnerabili del mondo, che ottengono risultati fino a sei volte peggiori rispetto ai paesi più industrializzati in termini di accesso alle energie pulite, secondo i dati raccolti delle Nazioni Unite.

QUIRINALE ENI AWARD 2014

Noi abbiamo una storia e un profilo legato agli idrocarburi, però di strada ne abbiamo fatta. Nel 2014 producevamo 65 milioni di tonnellate di CO₂ con petrolio e gas, nel 2019 siamo scesi a 38 milioni.

Claudio Descalzi, intervista a La Repubblica

Due principali categorie di progetti

Il nostro modello integrato comprende due principali categorie di progetti:

  • Progetti Brownfield, nei quali si genera energia rinnovabile in prossimità degli impianti Eni, al fine di sfruttare tutte le sinergie contrattuali, logistiche e industriali
  • Progetti Greenfield, sono nuovi progetti non collegati alle aree industriali Eni, e la cui funzione è la generazione di energia rinnovabile finalizzata alla vendita di energia a clienti industriali o alla rete locale.

Energy Solutions, una finestra di energia pulita sul mondo

In termini di tecnologia, Energy Solutions sviluppa e realizza impianti fotovoltaici, eolici e impianti ibridi con gas e stoccaggio di energia. Nel 2017, mentre aprivano i primi cantieri nel per il mondo, è stata creata la prima consociata di Energy Solutions, Eni New Energy S.p.A., operante in Italia, seguita dalla creazione di Eni New Energy Egypt, dall’acquisizione di Armwind (in Kazakhstan) nel 2018 e dalla costituzione, ad inizio 2019, di Eni New Energy Pakistan e Société Energies renouvelables ETAP-Eni (in Tunisia). Queste società, e altre che verranno create in seguito, hanno la responsabilità di realizzare e operare gli impianti di energia rinnovabile che Energy Solutions sta sviluppando nei vari Paesi. Nel frattempo, sono state identificate nuove iniziative, facendo sì che nel Piano d'Azione 2020-2023 la produzione di energia elettrica raggiunga una capacità installata di 3 GW al 2023, per poi passare a 5 GW nel 2025. Eni si conferma all’avanguardia nell’ibridizzazione di sistemi rinnovabili con i sistemi tradizionali nei siti industriali dove opera.