cover-gela-new.jpg

Gela: iniziative in ambito R&D rinnovabili, chimica da rinnovabili

Ricerca e Innovazione. Anche a Gela Eni si impegna per la salvaguardia del territorio e per un futuro sempre più sostenibile.

Progetto Italia

Prevista l’installazione di due impianti fotovoltaici con pannelli tradizionali presso due aree non più utilizzate della raffineria di Gela, per una capacità complessiva di 3,5 MW, beneficiando delle sinergie delle facilities e utilities della Raffineria di Gela (RaGe). Il primo impianto da 1 MW è entrato in esercizio a luglio 2018. È inoltre in fase di sviluppo un ulteriore progetto fotovoltaico da circa 5 MW presso un’area esterna e contigua al Nuovo Centro Oli.

 

Progetto pilota solare a concentrazione (CSP)

È stato installato nel 2019, presso il Nuovo Centro Oli di Gela, un sistema di specchi a concentrazione solare di nuova concezione della capacità di 100 kW termici di energia, che evita l’immissione di 45 tonnellate all’anno di CO2. Il progetto è in collaborazione con MIT e Politecnico di Milano.

 

Sequestro CO₂

Nel secondo trimestre 2017, è stato avviato – in prossimità del centro di trattamento di Ragusa – un impianto pilota di fotobioreattore finalizzato al sequestro della CO2 prodotta nell’ambito dell’estrazione di idrocarburi attraverso microalghe. L’impianto è in grado di produrre bio-olio (di elevato valore e considerato materia prima advanced) e Omega-3. Si prevede di espandere la sperimentazione con la realizzazione di un impianto di scala maggiore all’interno della raffineria di Gela.

 

Impianto Pilota Waste To Fuel

Eni con Syndial ha avviato la realizzazione di un impianto pilota per sperimentare la tecnologia proprietaria denominata Waste to Fuel, per la produzione di bio-olio dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani (FORSU) prodotti nelle aree urbane del territorio. L’impianto pilota è stato avviato a dicembre 2018 con produzione del primo bio-olio a gennaio 2019.

 

Guayule in Sicilia

Sviluppo di coltivazioni sperimentali di diversi genotipi di guayule per l’ottimizzazione del protocollo agronomico e la definizione e qualifica dei fitofarmaci presso due aziende agricole appartenenti all’Ente di Sviluppo Agricolo (ESA) della Regione Sicilia.

 

Risanamento ambientale

Sperimentazione di quattro tecnologie innovative per il monitoraggio e la bonifica di suoli e falde, sviluppate dalla ricerca Eni. Avviata nel 2016 la sperimentazione in campo relativa alla rimozione del prodotto organico presente in fase separata galleggiante (NAPL) nelle falde (e-hyrec®). I risultati positivi della sperimentazione hanno consentito di passare alla fase applicativa con importante beneficio a livello ambientale: riduzione acqua di smaltimento, maggiore efficacia di filtrazione surnatante, tempi più brevi.

 

LNG/CNG

È stato completato lo studio di fattibilità per la valutazione di una base logistica a Gela per la distribuzione di LNG/CNG. Successivamente è stato sottoscritto l'accordo tra MiSE, Regione Sicilia, Amministrazione Comunale di Gela ed Eni per dare seguito a una fase di approfondimento su temi di natura tecnica e commerciale, per verificare la sussistenza delle condizioni per sviluppare una iniziativa LNG a livello industriale.

 

Blue Sea Technologies

Gela è stata identificata come hub per la gestione delle apparecchiature e sistemi di monitoraggio brevettati da Eni, ovvero il Clean Sea, sistema di monitoraggio ambientale sottomarino da utilizzarsi nell’area del Mediterraneo, il Rapid Cube e il Dual ROV killing system,apparecchiature utilizzabili in tutto il mondo per garantire la gestione in sicurezza di pozzi offshore.