cover-Crescentino.jpg

Crescentino, un impianto per la chimica da biomasse

Nel 2018 Versalis ha acquisito le aziende bio del gruppo M&G ed è in corso il piano di azioni per la ripresa delle attività.

Il rilancio della produzione di bio-etanolo, energia elettrica e biogas

Alla base della piattaforma c’è la tecnologia Proesa® per la conversione di biomasse in zuccheri di seconda generazione e la successiva produzione di biocarburanti o, potenzialmente, altri bio-intermedi chimici. L’impianto industriale di Crescentino, in provincia di Vercelli, produce bio-etanolo, energia elettrica, valorizzando la lignina coprodotta nella collegata centrale a biomassa, e biogas, per il quale è previsto nel breve l’upgrade a biometano per immissione in rete. La centrale a biomasse per la generazione di energia elettrica rinnovabile e parte dell’impianto di trattamento acque con la produzione di bio-gas sono già stati riavviati e sono ora in corso le attività per il riavvio dell’impianto di bioetanolo entro il primo semestre 2020. I centri di ricerca Versalis Biotech situati a Rivalta Scrivia (AL) e a Novara stanno lavorando per perseguire ulteriori sviluppi nella produzione di una gamma completa di prodotti rinnovabili per via fermentativa, per esempio bio oli per la bioraffineria, polimeri totalmente biodegradabili (poliidrossialcanoati PHA), intermedi per bio polimeri e bio chemicals, tutti da zuccheri di seconda generazione prodotti con la tecnologia PROESA® e stanno sviluppando in via sperimentale la lignina in nuove applicazioni di mercato. Il piano include anche il rilancio delle attività di licensing internazionale della tecnologia proprietaria Proesa® per la produzione di bio-etanolo di seconda generazione, advanced bio-fuel, in grado di rispondere alla crescente domanda e ai requisiti di sostenibilità per i bio-carburanti previsti da diverse legislazioni a livello mondiale. Crescentino rappresenta un sito strategico che rafforza il posizionamento competitivo di Versalis nella chimica da fonti rinnovabili con l’obiettivo di sviluppare una piattaforma totalmente integrata e sostenibile, utilizzando solo biomasse residuali non in concorrenza con la filiera alimentare.