Overview

Sede Eni Milano
In questo approfondimento:

  • le informazioni sulle modalità di convocazione dell’Assemblea
  • i dettagli sulle relazioni del Consiglio di Amministrazione sull’ordine del giorno
  • la modalità di richiesta di integrazione dell’ordine del giorno
  • le informazioni sull’intervento e sul voto in Assemblea
  • i chiarimenti sulle azioni “dematerializzate”
  • il voto per corrispondenza
  • i dettagli sul “Rappresentante Designato dalla Società”
  • le informazioni sulle modalità di delega di voto
  • le modalità di reperimento del verbale dell’Assemblea

Dove e quando è pubblicato l'avviso di convocazione di Assemblea?

L’avviso di convocazione dell’Assemblea è pubblicato sul sito internet di Eni, trasmesso a Borsa Italiana e pubblicato per estratto su almeno un quotidiano a diffusione nazionale. Al fine di assicurare la migliore diffusione, la Società provvede a pubblicare l'avviso anche su un quotidiano a diffusione estera (generalmente, i quotidiani sono "Il Sole 24 Ore" e "Financial Times").
I termini per la pubblicazione dell’avviso variano secondo la materia su cui l’Assemblea è chiamata a deliberare.
In particolare, per l’approvazione del bilancio e, in generale, per tutti i casi in cui non sia previsto un termine differente, l’avviso di convocazione deve essere pubblicato entro 30 giorni dalla data fissata per l’Assemblea.

In caso di Assemblea convocata per il rinnovo dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale, il termine per la pubblicazione è anticipato a 40 giorni prima dell’Assemblea.
Qualora, invece, l’Assemblea sia chiamata ad autorizzare il Consiglio di Amministrazione a compiere atti o operazioni per contrastare un’offerta pubblica d’acquisto il termine per la pubblicazione è fissato a 15 giorni prima dell’Assemblea.

E' possibile avere maggiori informazioni sulle diverse convocazioni dell'Assemblea?

L'Assemblea (ordinaria e straordinaria) si tiene normalmente in unica convocazione, come previsto dallo Statuto di Eni. Tuttavia, il Consiglio di Amministrazione può stabilire, qualora ne ravvisi l'opportunità, che sia l'Assemblea ordinaria che quella straordinaria si tengano a seguito di più convocazioni.

In caso di Assemblea (ordinaria e straordinaria) che si tenga a seguito di più convocazioni, si evidenzia che le diverse convocazioni si differenziano per i cd. quorum costitutivi e deliberativi: ciò significa che è necessaria una quota di capitale differente affinché l'Assemblea possa validamente deliberare sulla materia ad essa sottoposta.

Come è possibile sapere se l'Assemblea si terrà in un'unica convocazione, ovvero in convocazione successiva alla prima?

Nell'avviso di convocazione è indicato espressamente se l'Assemblea si terrà in un'unica convocazione, ovvero è indicato se si farà ricorso a convocazioni successive alla prima.
In quest’ultimo caso, a seguito delle modifiche normative introdotte con il decreto legislativo n. 27/2010, non è più possibile conoscere in anticipo quale sarà la data in cui si terrà l’Assemblea. Tuttavia, in ragione della composizione azionaria di Eni, qualora siano previste più convocazioni, di norma l'Assemblea ordinaria si tiene in seconda convocazione e quella straordinaria in terza.

Dove e quando sono messe a disposizione del pubblico le relazioni del Consiglio di Amministrazione sulle materie all'ordine del giorno dell'Assemblea?

Le relazioni sono messe a disposizione del pubblico presso la sede sociale, sul meccanismo di stoccaggio centralizzato autorizzato da Consob denominato "1Info" - consultabile all’indirizzo www.1info.it, nonché sul sito internet di Eni e trasmesse a Borsa Italiana (www.borsaitaliana.com) entro il termine di pubblicazione dell’avviso di convocazione (v. Q&A "Dove e quando è pubblicato l'avviso di convocazione di Assemblea?") previsto in ragione di ciascuna materia da trattare. È quindi possibile che le Relazioni del Consiglio siano pubblicate in termini differenti: un caso rilevante è quello relativo all’approvazione del bilancio, per cui il termine massimo per la pubblicazione della relazione del Consiglio è ridotto a 21 giorni prima dell’Assemblea.

Cosa si deve fare per consultare le relazioni sulle materie all'ordine del giorno e la documentazione predisposta per l'Assemblea?

Per consultare la documentazione predisposta per l’Assemblea occorre consultare il sito internet di Eni (www.eni.com), il sito internet di Borsa Italiana (www.borsaitaliana.com  con riferimento a Eni), ovvero il sito internet del meccanismo di stoccaggio centralizzato autorizzato da Consob denominato "1Info" (www.1info.it) o recarsi presso la sede sociale. A tal fine, gli uffici della Segreteria Societaria presso la sede sociale sono aperti al pubblico per la consultazione della documentazione assembleare dal lunedì al venerdì negli orari di ufficio. In ogni caso, è possibile avere informazioni inviando un’e-mail all’indirizzo segreteriasocietaria.azionisti@eni.com o un fax al numero + 39(0)659822233 oppure telefonare al Numero Verde per gli Azionisti 800940924 [dall'estero: +800 1122 3456].

È possibile che l'Assemblea sia convocata su richiesta dei soci?

Sì. Gli Amministratori devono convocare l’Assemblea, quando ne è fatta richiesta da tanti soci che rappresentino almeno il 5% del capitale sociale.
Tuttavia, la convocazione su richiesta dei soci non è ammessa per argomenti sui quali l’Assemblea delibera, a norma di legge, su proposta degli amministratori o sulla base di un progetto (es. bilancio) o di una relazione da essi predisposta.

I soci che richiedono la convocazione devono predisporre una relazione sulle proposte concernenti le materie da trattare.

Il Consiglio di Amministrazione mette a disposizione del pubblico la relazione, accompagnata dalle proprie eventuali valutazioni, contestualmente alla pubblicazione dell’avviso di convocazione dell’Assemblea presso la sede sociale, su Borsa Italiana (www.borsaitaliana.com), sul meccanismo di stoccaggio centralizzato autorizzato da Consob denominato "1Info" - consultabile all’indirizzo www.1info.it e sul sito internet di Eni.

È possibile richiedere l'integrazione dell'ordine del giorno o presentare nuove proposte di deliberazione sulle materie già all'ordine del giorno?

Sì. Gli azionisti che, anche congiuntamente, rappresentino almeno il 2,5% del capitale sociale di Eni possono chiedere, entro 10 giorni dalla pubblicazione dell'avviso di convocazione dell'Assemblea, salvo il diverso termine previsto dalla legge, l'integrazione dell'elenco delle materie da trattare, indicando nella domanda gli argomenti proposti ovvero presentare proposte di deliberazione su materie già all’ordine del giorno. L'integrazione non è ammessa per gli argomenti sui quali l'Assemblea delibera, a norma di legge, su proposta del Consiglio di Amministrazione o sulla base di un progetto (es. bilancio) o di una relazione da esso predisposta, diversa da quella sulle materie all’ordine del giorno.

Le richieste, unitamente alla comunicazione effettuata all’intermediario abilitato attestante la titolarità della partecipazione, sono presentate per iscritto, anche per corrispondenza o in via elettronica, secondo le modalità indicate nell’avviso di convocazione.

Entro lo stesso termine e con le stesse modalità, i soci richiedenti o proponenti trasmettono al Consiglio di Amministrazione una relazione che riporti la motivazione della richiesta o della proposta. Il Consiglio di Amministrazione mette a disposizione del pubblico la relazione accompagnata dalle proprie eventuali valutazioni, contestualmente alla pubblicazione della notizia d’integrazione presso la sede sociale, Borsa Italiana, sul meccanismo di stoccaggio centralizzato autorizzato da Consob denominato "1Info" - consultabile all’indirizzo www.1info.it e sul sito internet di Eni.   

Delle integrazioni o della presentazione di proposte di deliberazione ammesse dal Consiglio di Amministrazione è data notizia almeno 15 giorni prima della data fissata per l'Assemblea, salvo il diverso termine previsto dalla legge, nelle stesse forme prescritte per la pubblicazione dell'avviso di convocazione (pubblicato sul sito internet di Eni, trasmesso a Borsa Italiana, sul meccanismo di stoccaggio centralizzato autorizzato da Consob denominato "1Info" - consultabile all’indirizzo www.1info.it e pubblicato su almeno un quotidiano). Le proposte di deliberazione sono messe a disposizione del pubblico presso la sede sociale, sul sito internet di Eni e con le altre modalità previste dalla Consob con regolamento, contestualmente alla pubblicazione della notizia della presentazione. In ogni caso, colui al quale spetta il diritto di voto può presentare individualmente proposte di deliberazione in Assemblea.

Chi può intervenire e votare in Assemblea e cosa si deve fare per intervenire?

Per intervenire e votare in Assemblea occorre richiedere all'intermediario abilitato (Banca o Sim) presso cui sono depositate le azioni Eni di effettuare una comunicazione a Eni per l'intervento in Assemblea.
Tale comunicazione è effettuata sulla base delle azioni che risultano depositate alla fine del settimo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l’Assemblea in unica convocazione (cd. record date). Per conoscere il calendario di mercato è possibile consultare il sito internet di Borsa Italiana (www.borsaitaliana.com).
La comunicazione deve pervenire a Eni entro la fine del terzo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l’Assemblea.
Ai presenti fini si ha riguardo alla data dell’Assemblea in prima convocazione, purché le date delle eventuali convocazioni successive siano indicate nell’unico avviso di convocazione; in caso contrario si ha riguardo alla data di ciascuna convocazione. 
Coloro che risulteranno titolari delle azioni successivamente alla cd. record date non saranno legittimati a partecipare e votare in Assemblea.
È comunque possibile intervenire e votare in Assemblea anche se la comunicazione è pervenuta a Eni oltre il termine previsto, purché entro l’inizio dei lavori assembleari.
Si raccomanda di chiedere all'intermediario copia della comunicazione effettuata alla Società, per la sua esibizione il giorno di svolgimento dell'Assemblea nel corso delle operazioni di registrazione e accreditamento.
Nell'ipotesi in cui l'Assemblea non sia stata convocata in unica convocazione e sia andata deserta in prima convocazione, la comunicazione effettuata a Eni resta valida anche per le successive convocazioni.
I possessori di ADRs, quotati alla Borsa di New York e rappresentativi ciascuno di due azioni ordinarie di Eni, che risulteranno iscritti alla data indicata nell’avviso di convocazione nell’apposito registro tenuto da Citibank N.A., banca depositaria degli ADRs, avranno la facoltà di partecipare all’Assemblea, di rilasciare delega di voto o di esercitare il voto per corrispondenza, osservati gli adempimenti di deposito e registrazione indicati nell’ADR Deposit Agreement. I medesimi possessori, anche qualora abbiano rilasciato delega di voto o si siano avvalsi del voto per corrispondenza, avranno la facoltà di presenziare all’Assemblea, previa richiesta scritta a Citibank N.A..
Con il consenso del Presidente dell'Assemblea possono assistere all'Assemblea anche non azionisti, in qualità di ospiti e uditori (esperti, analisti finanziari, giornalisti, studenti), i quali dovranno far pervenire apposita richiesta alla Segreteria Societaria di Eni.
Per ogni chiarimento o informazione sull'Assemblea, gli interessati possono rivolgersi alla Segreteria Societaria ai seguenti recapiti: numero verde per gli Azionisti 800940924 (dall’estero + 800 1122 3456), fax + 39(0)659822233.

Cosa è la c.d. "record date"?

Il meccanismo della cd. record date,  introdotto nell’ordinamento italiano nel 2010, è previsto dall’articolo 13.2 dello Statuto di Eni.
Il meccanismo individua uno dei presupposti per la legittimazione all’intervento e al voto in Assemblea, cioè identifica il momento in cui il soggetto che richiede di partecipare all’Assemblea deve essere titolare delle azioni di Eni.
La legittimazione all'intervento in Assemblea e all'esercizio del diritto di voto è, infatti, attribuita a coloro che risultano titolari delle azioni il settimo giorno di mercato aperto precedente la data dell'Assemblea e che abbiano comunicato la propria volontà di intervento tramite l'intermediario abilitato.
Le registrazioni in accredito e in addebito compiute sui conti successivamente a tale termine non rilevano ai fini della legittimazione all’esercizio del diritto di voto nell’Assemblea.

Che cosa significa "azioni dematerializzate"?

Dal 1° gennaio 1999 le azioni delle società quotate non sono più rappresentate da certificati cartacei, ma trattate attraverso il sistema di gestione accentrata organizzato e gestito in forma elettronica dalla Monte Titoli S.p.A. (*). Ogni diritto è garantito dalle scritture contabili tenute dall'intermediario abilitato che aderisce al sistema Monte Titoli (Sim, banca) presso cui l'investitore ha depositato i propri titoli.
____________________
(*) Monte Titoli S.p.A.: società per la custodia e l'amministrazione accentrata di strumenti finanziari quotati.

Se un azionista possiede azioni ancora non dematerializzate che cosa deve fare?

Per partecipare all'Assemblea e per riscuotere il dividendo coloro che possiedono ancora titoli azionari in formato cartaceo devono consegnarli a un intermediario abilitato (Sim, banca) e chiederne la dematerializzazione.

Chi sono gli intermediari abilitati?

Banche e Sim (società di intermediazione mobiliare).

Con quali modalità si può intervenire e votare in Assemblea?

Gli azionisti possono intervenire personalmente o farsi rappresentare mediante delega scritta o conferita in via elettronica (v. Q&A "A chi e come può essere rilasciata la delega di voto?").
Il voto può essere esercitato personalmente, mediante delega o per corrispondenza.
Se previsto nell'avviso di convocazione, il voto può essere esercitato anche in via elettronica.

Cosa significa che il voto può essere esercitato per corrispondenza?

Il voto per corrispondenza è una facoltà espressamente prevista dall'art. 14.3 dello Statuto di Eni, che consente agli aventi diritto di esercitare il diritto voto senza partecipare fisicamente all'Assemblea.

La scheda di voto, che è disponibile sul sito internet di Eni o presso la sede sociale; può altresì essere inviata dalla Segreteria Societaria agli azionisti che ne facciano richiesta, insieme alla relativa busta. La scheda di voto compilata e sottoscritta dovrà pervenire nei termini indicati nell’avviso di convocazione in busta chiusa alla Segreteria Societaria, all’indirizzo:

Eni S.p.A.

Segreteria Societaria
(Voto per corrispondenza Assemblea maggio 2019)
Piazzale Enrico Mattei, 1
00144 Roma - Italia.

Per coloro che intendano utilizzare la scheda disponibile sul sito internet di Eni, le modalità di invio della scheda sono indicate sul sito stesso. Le schede pervenute oltre il termine previsto dall’avviso di convocazione o prive di sottoscrizione non sono considerate prese in considerazione né ai fini della costituzione dell’Assemblea né ai fini della votazione. Il voto per corrispondenza è esercitato direttamente dal titolare ed è espresso separatamente per ciascuna delle proposte di deliberazione. Il voto può essere revocato mediante dichiarazione scritta portata a conoscenza di Eni nei termini indicati dall’avviso di convocazione, anche mediante dichiarazione espressa resa dall’interessato nel corso dell’Assemblea stessa.

Entro quando devono pervenire le schede di voto per corrispondenza?

Le schede devono pervenire a Eni, all’indirizzo indicato nell’avviso di convocazione (v Q&A "Cosa significa che il voto può essere esercitato per corrispondenza?"), entro il giorno precedente l'Assemblea in prima o unica convocazione (il termine è indicato con precisione nell’avviso di convocazione stesso).
Le schede pervenute oltre il termine previsto o prive di sottoscrizione non sono considerate ai fini della costituzione dell’Assemblea né ai fini della votazione.

Dove si trovano le schede del voto per corrispondenza?

Le schede di voto per corrispondenza sono disponibili presso la sede di Eni (Piazzale Enrico Mattei, 1 - 00144 Roma) e sul sito internet di Eni. Su richiesta dell’azionista, Eni – tramite la Segreteria Societaria - le può inviare in forma cartacea e gratuitamente, unitamente alla relativa busta. Per ulteriori informazioni si può visitare la pagina del sito internet di Eni dedicata all’Assemblea o rivolgersi alla Segreteria Societaria ai seguenti recapiti telefonici e di fax: numero verde per gli Azionisti 800940924; dall'estero: 800 1122 3456, previa digitazione del prefisso di accesso internazionale (+), fax + 39(0)659822233.

È possibile revocare il voto esercitato per corrispondenza?

Si. Il voto esercitato per corrispondenza può essere revocato mediante dichiarazione scritta, portata a conoscenza della Società almeno il giorno precedente l'Assemblea, ovvero espressa, resa dal titolare nel corso dell'Assemblea.

Sono previste semplificazioni per gli azionisti dipendenti associati ad associazioni di azionisti?

Sì. Eni mette a disposizione degli azionisti dipendenti, associati ad associazioni di azionisti, spazi da utilizzare per la comunicazione e lo svolgimento dell'attività di raccolta di deleghe.

Chi è il "Rappresentante Designato dalla Società"?

Il Rappresentante Designato dalla Società è il soggetto che Eni può designare per ciascuna Assemblea e al quale i soci possono conferire una delega con istruzioni di voto su tutte o alcune delle proposte all'ordine del giorno entro la fine del secondo giorno di mercato aperto prima dell'Assemblea in prima o unica convocazione (la data precisa è indicata nell'avviso di convocazione). La delega al Rappresentante Designato, che non comporta alcun costo aggiuntivo per gli azionisti, è disciplinata nell'art. 14.5 dello Statuto. Il nome del Rappresentante Designato e i relativi riferimenti sono indicati nell'avviso di convocazione. Ulteriori informazioni sono presenti sul sito internet di Eni.

Come e quando si conferisce la delega al "Rappresentante Designato dalla Società"?

La delega è conferita mediante la sottoscrizione di un apposito modulo di delega, il cui contenuto è stato stabilito da Consob. Il conferimento della delega non comporta spese per il socio. La delega deve essere conferita entro la fine del secondo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l'Assemblea in prima o unica convocazione (la data precisa è indicata nell'avviso di convocazione) e non ha effetto per le proposte per cui non sono state date istruzioni di voto. La delega e le relative istruzioni sono sempre revocabili entro il termine predetto.

Dove è possibile trovare i moduli per conferire delega al "Rappresentante Designato dalla Società"?

I moduli sono messi a disposizione da Eni sul sito internet, nella pagina dedicata all’Assemblea degli azionisti. Gli stessi sono disponibili anche presso la sede sociale.

È possibile revocare la delega e le istruzioni di voto conferite al "Rappresentante Designato dalla Società"?

Sì. È possibile revocare la delega e le istruzioni di voto conferite entro la fine del secondo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l'Assemblea in prima o unica convocazione. La data precisa è indicata nell'avviso di convocazione dell'Assemblea.

A chi e come può essere rilasciata la delega di voto?

Oltre che al "Rappresentante Designato dalla Società", coloro ai quali spetta il diritto di voto (v. Q&A "Chi può intervenire e votare in Assemblea e cosa si deve fare per intervenire?") possono rilasciare delega a un unico rappresentante per ciascuna Assemblea, salva la facoltà di indicare sostituti. La delega può essere rilasciata a persone fisiche, giuridiche ed enti non riconosciuti.
La delega ha effetto anche per le convocazioni successive alla prima. La delega non è valida se il nome del rappresentante è lasciato in bianco; la delega e le relative istruzioni di voto possono essere sempre revocate.
La delega può essere conferita per iscritto ovvero conferita in via elettronica.
Eni mette a disposizione sul proprio sito internet e presso la sede sociale un modulo che può essere utilizzato per il rilascio della delega. Il rappresentante può, in luogo dell'originale, consegnare o trasmettere una copia, anche su supporto informatico, della delega, attestando sotto la propria responsabilità la conformità della delega all'originale e l'identità del delegante. Il rappresentante conserva l'originale della delega e tiene traccia delle istruzioni di voto eventualmente ricevute per un anno a decorrere dalla conclusione dei lavori assembleari.

Come può avvenire la notifica della delega a Eni?

La delega può essere notificata alla Società mediante:

  1. invio per posta all'indirizzo:

    Eni S.p.A.
    Segreteria Societaria
    (Delega Assemblea maggio 2019)
    Piazzale Enrico Mattei, 1,
    00144 Roma - Italia

  2. per fax alla Segreteria Societaria di Eni al numero +39 06 598 22 233
  3. a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo corporate_sesocorp@pec.eni.com; ovvero
  4. mediante l'utilizzo di apposita sezione del sito internet della Società secondo le modalità ivi indicate.

È possibile revocare la delega?

La delega e le relative istruzioni di voto possono essere sempre revocate, nonostante qualsiasi patto contrario.

È possibile essere ammessi all'Assemblea quando si arriva in ritardo rispetto all'inizio dei lavori assembleari?

Sì. Se è in atto la votazione, per entrare bisogna attendere che la stessa sia conclusa.

Quando è disponibile il verbale dell'Assemblea?

Il verbale assembleare è reso disponibile sul sito internet di Eni entro 30 giorni dalla data dell'Assemblea. Entro 5 giorni dalla data dell’Assemblea, è messo a disposizione sul sito internet di Eni un rendiconto sintetico delle votazioni contente il numero di azioni: (i) rappresentate in Assemblea, (ii) per le quali è stato espresso il voto su ciascun punto all’ordine del giorno, (iii) e la percentuale di capitale che tali azioni rappresentano, (iv) e la relativa percentuale per i voti favorevoli, contrari e le astensioni a ciascuna delibera.

Il verbale dell'Assemblea è a disposizione su internet?

Sì. Il verbale dell'Assemblea è a disposizione nel sito internet di Eni, nella sezione Governance/Assemblea. I verbali riportano in allegato i risultati delle votazioni.

Entro quale data deve tenersi l'Assemblea di approvazione del bilancio?

L'Assemblea ordinaria è convocata almeno una volta l'anno, entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale (31 dicembre), per l'approvazione del bilancio, essendo la Società tenuta alla redazione del bilancio consolidato. In ogni caso, entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio, Eni mette a disposizione del pubblico la relazione finanziaria annuale contenente il progetto di bilancio di esercizio, il bilancio consolidato e le relative relazioni.

Qual è la quota di partecipazione del Ministero dell'economia e delle finanze?

La quota di partecipazione diretta del Ministero dell’economia e delle finanze è pari al 4,34% e quella della Cassa depositi e prestiti S.p.A. è pari al 25,76%.

Back to top