Overview

Eni Sede Roma
In questo approfondimento:

  • una sintesi degli esiti assembleari con i principali punti discussi
  • la documentazione a supporto dell’Assemblea degli Azionisti Eni scaricabile in pdf

Esiti assembleari

L'Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli azionisti riunitasi oggi ha approvato:
  • il bilancio di esercizio di Eni s.p.a. al 31 dicembre 2005 che chiude con l'utile di 5.287.660.333,55 euro;
  • l'attribuzione dell'utile di esercizio di 5.287.660.333,55 euro, che residua in 3.601.962.335,60 euro dopo la distribuzione dell'acconto sul dividendo dell'esercizio 2005 di 0,45 euro per azione deliberato dal Consiglio di Amministrazione il 21 settembre 2005 e messo in pagamento il 27 ottobre 2005, come segue:
- agli azionisti a titolo di dividendo 0,65 euro per ciascuna delle azioni che risulteranno in circolazione alla data di stacco cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data, a saldo dell'acconto sul dividendo dell'esercizio 2005 di 0,45 euro; il dividendo per azione dell'esercizio 2005 ammonta perciò a 1,10 euro,
- alla Riserva legale 179.800,00 euro affinché ammonti ad un quinto del capitale sociale,
- alla Riserva disponibile l'importo che residua dopo le attribuzioni proposte,
  • il pagamento del saldo dividendo di 0,65 per azione a partire dal 22 giugno 2006, con stacco fissato al 19 giugno 2006,
  • il proseguimento del programma di acquisto di azioni proprie. L'Assemblea ha autorizzato la prosecuzione del programma di buy-back per un periodo di 18 mesi dalla data della deliberazione assembleare, aumentando da 5,4 a 7,4 miliardi di euro il limite di spesa. Il programma di buy-back, avviato a settembre del 2000 in esecuzione della delibera dell'assemblea del 6 giugno 2000, rappresenta un efficace e flessibile strumento gestionale finalizzato ad accrescere il valore per l'Azionista. Potranno essere acquistate sul Mercato Telematico Azionario gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. fino a 400.000.000 (quattrocentomilioni) di azioni ordinarie Eni del valore nominale di 1 euro, pari al 9,986% del capitale sociale, per prezzo non inferiore al loro valore nominale e non superiore del 5% rispetto al prezzo di riferimento registrato il giorno di borsa precedente ogni singolo acquisto, secondo le modalità operative stabilite nei regolamenti di organizzazione e gestione della Borsa Italiana S.p.A. Al 24 maggio 2006 risultano acquistate n. 304,9 milioni di azioni pari al 7,6% del capitale sociale con un costo complessivo di 4,8 miliardi di euro (15,8 euro per azione),
  • il Piano di stock option 2006-2008,
  • la copertura assicurativa dei rischi manageriali degli Amministratori e dei Sindaci dell'Eni S.p.A.,
  • l'approvazione delle seguenti modifiche statutarie, connesse principalmente all'entrata in vigore della Legge n. 262/2005 ("Legge sulla Tutela del Pubblico Risparmio") e all'emanazione del nuovo Codice di Autodisciplina delle società quotate presso la Borsa Italiana S.p.A.: (i) previsione di procedere alla pubblicazione dell'avviso di convocazione dell'Assemblea anche su quotidiani a diffusione nazionale (art. 13.1); (ii) facoltà per gli azionisti che rappresentano almeno un quarantesimo del capitale sociale di chiedere l'integrazione dell'ordine del giorno delle assemblee (art. 13.1); (iii) espressa indicazione nella dichiarazione resa dai candidati alla carica di amministratore del possesso dei requisiti di indipendenza e onorabilità prescritti dalla normativa vigente e valutazione periodica, da parte del Consiglio, della permanenza di tali requisiti in almeno uno o tre Amministratori, a seconda che il loro numero sia fino o superiore a cinque (art. 17.3); (iv) espressa indicazione dell'obbligo del Consiglio di Amministrazione di accertare il possesso da parte dei Direttori Generali dei requisiti di onorabilità (art. 24.1); (v) definizione delle modalità di nomina del dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari (art. 24.1); (vi) nomina del Presidente del Collegio Sindacale tra i Sindaci effettivi tratti dalle liste di minoranza (art. 28.2); (vii) potere di convocazione del Consiglio di Amministrazione da parte di almeno un sindaco e potere di convocazione dell'assemblea da parte di almeno due sindaci (art. 28.4),
  • In relazione alle normative vigenti, Eni comunica che il proprio Consiglio di amministrazione è formato da:
- Roberto Poli - Presidente,
- Paolo Scaroni - Amministratore Delegato e Direttore Generale,
- Alberto Clô, Renzo Costi, Dario Fruscio, Marco Pinto, Marco Reboa, Mario Resca,
e Pierluigi Scibetta - Consiglieri.

Il Collegio Sindacale è formato da:

- Paolo Andrea Colombo - Presidente del Collegio Sindacale,
Luigi Biscozzi, Filippo Duodo, Riccardo Perotta, Giorgio Silva - Sindaci effettivi.

I Direttori Generali sono:

- Stefano Cao - Exploration & Production,
- Domenico Dispenza - Gas & Power,
- Angelo Taraborrelli - Refining & Marketing,

I Direttori Corporate Eni sono:

- Stefano Lucchini - Relazioni Istituzionali e Comunicazione,
- Marco Mangiagalli - Chief Financial Officier,
- Massimo Mantovani - Affari Legali,
- Leonardo Maugeri - Strategie e Sviluppo,
- Amedeo Santucci - Approvvigionamenti,
- Salvatore Sardo - Personale e Organizzazione,
- Roberto Ulissi - Affari Societari e Governance,
- Rita Marino - Responsabile Internal Audit,
- Raffaella Leone - Assistente Esecutivo dell'Amministratore Delegato.
Back to top