eni

Accesso diretto

Questo accesso privilegiato è riservato a tutti i clienti Eni, alle Associazioni dei Consumatori e ai Giornalisti. Inserisci username e password per essere reindirizzato alla tua pagina profilata

 
 

Accesso dipendenti

Se sei un dipendente eni e possiedi le credenziali per accedere all'area riservata clicca qui.

Il Codice Etico

Codice Etico

Eni è stata fra le prime aziende europee a dotarsi di un Codice di Comportamento. La prima edizione risale al 1994. Nel 2007 l'azienda si è dotata di un nuovo Codice Etico, approvato insieme al nuovo Modello 231 il 14 marzo 2008.

  • Codice EticoCodice Etico
  • Condivisione e formazione Condivisione e formazione
  • Sinergie con il modello 231Sinergie con il modello 231

Accanto ai principi generali di rispetto delle leggi, di trasparenza, onestà, correttezza e buona fede, il Codice Etico pone in primo piano gli obiettivi dello sviluppo sostenibile, fra cui la responsabilità dell'impresa nei confronti dei territori in cui opera, la salvaguardia dei diritti di terza generazione e la difesa e promozione dei Diritti Umani:

I principi generali sono declinati in modo diverso rispetto alle varie tipologie di stakeholder. In particolare sono posti al centro:
- i rapporti con gli azionisti e il mercato: l'impegno Eni nella creazione di valore per gli azionisti deve essere perseguito seguendo i principi di correttezza nei confronti del mercato. Sono richiamate le principali regole di corporate governance, i principi da seguire in materia d'informazione societaria e di rapporti con i media, improntati alla trasparenza e alla correttezza, ma anche alla tempestività e accuratezza.
- i rapporti con le istituzioni e le comunità locali: è introdotto l'obbligo di cooperazione attiva con le istituzioni pubbliche e ribadito l'impegno per lo sviluppo delle comunità locali anche attraverso l'informazione e la condivisione sui temi di loro maggiore interesse, il sostegno alle attività non profit .
- i rapporti con i clienti e i consumatori. E' espressamente indicato il diritto a non ricevere prodotti dannosi per la salute e a ricevere informazioni complete sui prodotti offerti .

Sono ovviamente oggetto di particolare attenzione i rapporti con le persone di Eni. E' valorizzato lo sviluppo e la tutela delle persone nel rispetto delle diversità , affinché il luogo di lavoro sia sempre più un ambiente di rispetto reciproco e di collaborazione .
In quest'ottica trovano spazio anche i nuovi temi della security aziendale e del Knowledge Management .

Tutti i canoni di comportamento sono garantiti da appositi strumenti applicativi quali il sistema di controllo interno e il dovere di evitare e comunque segnalare situazioni di conflitto d'interesse, la tutela della salute , della sicurezza , dell'ambiente e dell' incolumità pubblica e la promozione della ricerca e dell'innovazione, nella tutela del patrimonio intellettuale.

Per quanto riguarda i controlli, è previsto che il ruolo di Garante del Codice Etico sia affidato ad un organo collegiale, l'Organismo di Vigilanza istituito dal Modello 231, al fine di creare una sinergia e maggiore efficienza tra le diverse forme di controllo.

Un'ultima novità fondamentale è l'istituzione di un Team di Promozione del Codice Etico, per favorirne la più ampia diffusione all'esterno e all'interno di Eni, nella consapevolezza che questo strumento, per essere vitale e funzionale, deve essere conosciuto e interiorizzato da tutti.

Condivisione e formazione sono essenziali perché il Codice Etico di Eni sia un patrimonio di tutte le persone che lavorano in Eni. A questo proposito è stato costituito un Team di Promozione, alle dirette dipendenze del Garante del Codice Etico, con il compito di diffondere i contenuti del Codice e di raccogliere da tutti i portatori di interesse le istanze che ne consentano il miglioramento continuo.

Per assicurare la massima diffusione nel contesto internazionale in cui Eni opera, il Codice Etico è stato tradotto in tedesco, francese, portoghese, spagnolo, russo, ungherese, rumeno, polacco, arabo, greco, olandese, slovacco, sloveno, turco, ceco, bahasa indonesiano, fiammingo e kazaco, oltre che in italiano e in inglese.

E’ stato organizzato un processo di distribuzione capillare, supportato da attività di comunicazione interna e da un piano di formazione capace di raggiungere tutti i livelli organizzativi dell’azienda, dal Consiglio d’Amministrazione fino ai giovani neoassunti, attraverso azioni differenziate che utilizzano strumenti interattivi oltre alle presentazioni dedicate e all’integrazione nei corsi di formazione istituzionale dell’azienda.

Nel 2009 è stato realizzato un web seminar sul Codice Etico, che ha visto il coinvolgimento di più di 3.000 tra dirigenti, quadri in comunicazione organizzativa e Key Officer di Eni e delle società controllate. Il web seminar – disponibile anche con sottotitoli in inglese – è oggi fruibile da tutte le persone di Eni tramite una pagina web dedicata sulla rete intranet aziendale.

Il Team di Promozione del Codice Etico ha poi avviato un processo di consultazione degli stakeholder dell’azienda. Oltre alle persone di Eni, coinvolte da appositi focus group e da forum on-line, sono stati raccolti, tramite questionari e incontri dedicati, i feedback degli investitori istituzionali e socialmente responsabili, delle principali organizzazioni sindacali, delle maggiori agenzie di rating, delle associazioni dei consumatori, nonché di un campione rappresentativo di fornitori, venditori e franchisee. Il Codice Etico è stato presentato presso la Cassa Depositi e Prestiti e presso il Ministero dell’Economia – Dipartimento del Tesoro.

Infine, Eni ha chiesto un commento critico sul Codice Etico a diverse organizzazioni non governative, fra cui associazioni ambientaliste e altre impegnate nella tutela dei diritti umani, a organizzazioni impegnate nello studio e nella ricerca sull’etica d’impresa e nella gestione di investimenti socialmente responsabili.

I giudizi sul Codice Etico – su cui è stato puntualmente informato il Garante del Codice Etico, che a sua volta periodicamente riferisce al vertice aziendale – sono risultati, nel complesso, positivi: il documento è risultato essere completo e chiaro e non sono state riscontrate necessità di eventuali proposte di modifica.

Nel 2009 Eni è stata giudicata, nell’ambito del “Dow Jones Sustainability Index World‘, "Best in class" per quanto riguarda l’area relativa a "Codice di Condotta/Compliance".

Tra codice Etico e Modello 231, di cui il codice è parte integrante e principio generale non derogabile, esiste una profonda sinergia, testimoniata dal conferimento all’Organismo di Vigilanza 231 di Eni delle funzioni di Garante del Codice Etico.

In ragione della complessità della struttura organizzativa di Eni e della compenetrazione del Modello 231 nell’azienda, l’aggiornamento del Modello 231 – approvato dal Consiglio di Amministrazione il 14 marzo 2008 – si articola nell’implementazione di un programma di recepimento delle innovazioni, predisposto e realizzato da un apposito Team multifunzionale ("Team 231"), costituito dall’Amministratore Delegato con il contributo delle funzioni aziendali competenti.

Nel corso del 2009 il Team 231 ha curato l’adeguamento del Modello 231 con riferimento ai reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, e ai delitti informatici e di trattamento illecito di dati, e ne promuoverà a breve l’aggiornamento alle nuove fattispecie di reato introdotte nel 2009 dal legislatore italiano tra quelle che possono comportare l’irrogazione di sanzioni previste dal d.lgs. n. 231 del 2001 (delitti di criminalità organizzata, delitti contro l’industria e il commercio, delitti in materia di violazione del diritto di autore, nonché induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria).

Infine, nel 2009 è stata realizzata un’attività di formazione Web Based sui principi e i contenuti del decreto legislativo n. 231 del 2001 e del Modello 231.

Nel 2010 sarà avviata e completata la formazione specificamente destinata a dirigenti e quadri in comunicazione organizzativa di Eni.




Documenti scaricabili

Bilancio integrato eni for 2013 Grafici interattivi
Toolbox
Glossario EnergiaGlossario Energia
rssRSS e Podcast

Sottoscrivi i nostri feed

rssAlert

Iscriviti al servizio di SMS e Mail Alert

calendarioCalendario
indietro
avanti

  • Do

  • Istituzionali
  • Assemblea degli azionisti
  • Finanziari
  • Cultura e incontri
  • Formazione e lavoro

Questa pagina è stata aggiornata il 22/02/10