Questo sito utilizza cookie tecnici. Se vuoi saperne di più, clicca qui.  chiudi

  • ITA ENG
eni

Eni Corporate University

Eni Corporate University è lo strumento di Eni per attrarre e reclutare persone di valore,  prendersi cura della loro formazione attraverso lo sviluppo del know-how tecnico e manageriale e diffondere una corporate identity unitaria.

 

Formazione e Knowledge Management

Realizziamo attività di formazione per lo sviluppo del know-how tecnico e manageriale del personale in Italia e all’estero.
Promuoviamo e sviluppiamo accordi con prestigiose Università Italiane ed internazionali.
Organizziamo e gestiamo attraverso la Scuola Mattei il Master in Management ed Economia dell’Energia e dell’Ambiente (MEDEA).

Employer Branding

Sviluppiamo l’Employer Branding per diffondere la corporate identity e attrarre le migliori risorse sul mercato.

Reclutamento e Selezione

Gestiamo il processo di orientamento, reperimento e selezione nell’azienda attraverso metodologie in linea con la best practice internazionali

  • LE ORIGINI LE ORIGINI
  • LA FORMAZIONELA FORMAZIONE
  • IL KNOWLEDGE MANAGEMENTIL KNOWLEDGE MANAGEMENT

Enrico Mattei

L'eredità di Mattei
In un'intervista televisiva del 1961 Enrico Mattei affermò con grande convinzione che "la tanta gente, i tanti lavoratori non sono per l'Italia un segno di povertà, ma un segno di ricchezza". Questo avveniva quando il personale delle imprese non veniva ancora considerato una risorsa e poco dopo la forte l'emigrazione di tanti italiani che negli anni '50 cercarono fortuna in altri paesi dell'Europa e dell'America.
Seppur severo e molto esigente, Mattei riponeva fiducia nei contributi che le persone potevano dare allo sviluppo dell'impresa e gran parte del segreto del successo della sua Eni fu proprio legato alla rapidità con la quale riuscì a preparare e mettere in circolo una rete formidabile di tecnici e manager.

Conscio che un paese come l'Italia, uscito dalla guerra in condizioni disastrate e senza grandi risorse naturali, poteva contare solo sulla qualità delle proprie persone, Mattei utilizzò le "leve" del recruitment e della formazione per costituire rapidamente, negli anni '50, uno staff di eccellenza.

"Quando li trovo (giovani, ricchi di talento, motivatissimi, disponibili fino alla dedizione), li assumo anche se non ho bisogno, perché quando ne hai bisogno non li trovi": era questa la filosofia di un talent scout che sin dall'esperienza partigiana aveva mostrato un grande fiuto nel valutare le persone e una profonda capacità di attrarle e motivarle, trasmettendo il senso di una missione da compiere. In un periodo nel quale partivano in continuazione nuove iniziative di business, riteneva importante disporre di quelle che chiamava "riserve di professionalità", perfettamente formate e pronte per essere immediatamente operative dovunque, nel mondo, dovessero servire.

Lanciò una grande politica di formazione e addestramento per tutte le figure professionali, da quelle più operative, fino ai quadri e i dirigenti, coinvolgendo in seminari (alcuni a livello di singola società operativa, altri a livello di gruppo Eni) anche il top management. La formazione era sia formazione classica d'aula che formazione on the job ed era frequente che mandasse i suoi collaboratori migliori negli Stati Uniti affinché potessero visionare modalità organizzative innovative da replicare in Italia.

La costituzione nel 1957 della Scuola di Studi Superiore sugli Idrocarburi, la prima business school italiana dedicata anche a stranieri, rinominata nel 1969 Scuola Mattei, esprime in maniera chiara il suo forte interesse nei confronti della formazione e anche una notevole originalità nell'approcciare questo tema, sia per l'interdisciplinarità sia per la provenienza della maggior parte degli studenti dall'estero (ad oggi sono più di 110 le nazionalità degli oltre 2.800 studenti formati).

La costituzione di Eni Corporate University: le ragioni e gli obiettivi
Nel 2001 è stata costituita Eni Corporate University con la finalità di svolgere le attività di selezione e formazione del personale, garantendo il presidio, la diffusione e lo sviluppo della cultura di impresa Eni per i settori industriali e i mercati di interesse.

La formazione è una leva per il presidio, la valorizzazione e lo sviluppo del sapere caratteristico della nostra azienda. Mira ad aumentare le competenze tecnico-professionali e manageriali delle persone e a diffondere i valori di Eni in particolare in materia di salute, sicurezza e sostenibilità. È al servizio delle nuove iniziative di business e del continuo aggiornamento accompagnando le persone nel loro percorso di crescita, aiutandole a costruire un'identità professionale solida e dinamica e a esprimere le proprie potenzialità.

Fattori distintivi
  • I fattori distintivi che caratterizzano la formazione sono il costante aggiornamento metodologico, la partnership con università, business school e istituti formativi di eccellenza, lo sviluppo di una faculty interna per la capitalizzazione della conoscenza distintiva di Eni e l’utilizzo di tecnologie innovative. Questi fattori rendono la formazione sempre più flessibile, compatibile con i ritmi di lavoro quotidiani, adattabile alle necessità di una società come Eni con un rilevante numero di persone dislocate in tutto il mondo.
    Nei corsi vengono utilizzate, in maniera sinergica, le diverse metodologie per l’apprendimento: aula, laboratori, training on the job e contenuti fruibili online attraverso una piattaforma dedicata quali ad esempio web based training, videointerviste, business game e webinar.

Numeri e trend
  • Nel 2014 è stato erogato un totale di 3,2 milioni di ore di formazione ripartito per le seguenti macro tematiche:


       
    Formazione Eni 2014

     

Centri
  • Le attività di formazione sono realizzate presso le sedi di Eni Corporate University sul territorio nazionale e le strutture delle diverse società di eni in Italia e all’estero.

     



    Tecnologia e sostenibilità

    La formazione si avvale sempre più della tecnologia con l’obiettivo di stimolare e migliorare l’apprendimento. La nuova dotazione delle aule di Eni Corporate University prevede, infatti, strumentazione multimediale (tra cui e-Board e Tablet) per una gestione più funzionale dei processi di formazione e la sperimentazione di metodologie innovative.
    La dotazione delle aule e lo sviluppo di un' app  apposita consentono di disporre di documenti didattici in formato digitale, di accedere agli archivi, di condividere dati in maniera immediata e di registrare audio/video delle lezioni, effettuare esercitazioni, compilare questionari e test (anche di apprendimento), ma soprattutto di partecipare ai corsi dalle località più remote, collegando diversi siti in Italia e all’estero.
    Nel 2015 è stata realizzata "enicampus" la nuova piattaforma di formazione a distanza di Eni che traduce in realtà i concetti essenziali dello smart learning e caratterizzata dalla costruzione di percorsi formativi a distanza o blended (mix di aula e elementi a distanza), con un elevato livello di flessibilità, coinvolgimento e personalizzazione.

Ambiti di formazione
  • Industriale
    La formazione tecnico-professionale si prefigge l'obiettivo di sviluppare competenze per operare nelle strutture di Eni e delle sue società in un contesto industriale a tecnologia avanzata.
    Le attività formative si compongono di corsi trasversali ai diversi settori produttivi di Eni o progetti formativi ad hoc per singole aree di business e al passo con l'evoluzione delle tecnologie. Gli interventi, in funzione degli obiettivi e dei contenuti, sono diretti a molteplici destinatari: personale neo-assunto, personale con esperienza, operai e tecnici ad alta specializzazione. Le principali aree della formazione tecnico-professionale sono Geologia, Geofisica, Giacimenti, Perforazione, Produzione, Manutenzione, Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità.



    Manageriale

    La formazione manageriale è finalizzata a favorire la crescita professionale e manageriale delle persone, assicurando il presidio delle competenze strategiche collegate alla evoluzione del business.
    I principali obiettivi sono l'acquisizione di un insieme ricco e flessibile di conoscenze e competenze, affinare le abilità manageriali e gli stili relazionali, migliorare la capacità di lavorare in squadra e in contesti multiculturali.
    Infine, tra le leve di valorizzazione e sviluppo del management, il coaching è uno strumento consolidato e ben integrato con la cultura aziendale.



    Commerciale e di Supporto al Business

    La formazione commerciale e di supporto al business rappresenta una delle leve per la crescita professionale delle persone.
    I corsi sono progettati ad hoc a supporto di specifici traguardi di cambiamento e di evoluzione del business, e sono volti a sviluppare le competenze necessarie al ruolo anche attraverso percorsi formativi dedicati alle singole famiglie professionali quali: Amministrazione e Bilancio, Approvvigionamenti, Commerciale e Marketing.

Knowledge ManagementEni Corporate University opera per favorire la diffusione delle conoscenze in Eni contribuendo alla progettazione e allo sviluppo delle iniziative di knowledge management da parte delle aree di business e delle aree professionali, favorendo il trasferimento delle esperienze e assicurandone una vista consolidata.

 

 

Cosa sono i sistemi di knowledge management?
  • Sono sistemi specificatamente dedicati a supportare i processi di creazione, sviluppo, condivisione e applicazione della conoscenza presente in azienda per creare valore. I sistemi di knowledge management sono utili per condividere informazioni, esperienze e best practice con tutti i colleghi Eni sparsi nel mondo nonché per mettere a disposizione le proprie competenze per rispondere a domande o problematiche, tecniche e non, e trovarne soluzioni. Si concretizzano in spazi virtuali, come siti e portali di diversa natura, in cui vengono sia ospitate le comunità di pratica che messi a disposizione strumenti di diffusione delle conoscenze, quali piattaforme collaborative, webinars, repositories documentali, motori di ricerca, e altri link e materiale di interesse diffuso.

Il knowledge management: perché
  • Le iniziative di Knowledge Management hanno un obiettivo concreto: generare valore per l’azienda, valorizzando il patrimonio di conoscenze disponibili nell’organizzazione, capitalizzando e diffondendo esperienze, stimolando un problem solving collaborativo e liberando il potenziale contributivo di ciascuna delle sue persone.

    Il modello strategico del sistema delle conoscenze di Eni, e del knowledge management in particolare, nasce da priorità concrete:



    - supportare le linee di business nell'acquisizione di ulteriori vantaggi competitivi;
    - fronteggiare la complessità e la rapida evoluzione e obsolescenza del know-how;
    - accelerare i tempi di professionalizzazione delle persone e consentire loro il costante apprendimento derivante dal confronto e dalla collaborazione continua con i colleghi.



    Eni investe perciò in strategie e strumenti che facilitino la circolazione di conoscenze, esperienze e lessons learnt: questo permette una più rapida risoluzione di problemi operativi, una veloce ricerca di soluzioni e suggerimenti anche di dettaglio, una facile identificazione di chi contattare per ciascun problema emerso, nonché collaborare insieme per sviluppare nuove idee e generare nuova conoscenza.
    Tutto questo in un’ottica collaborativa che permetta di raggiungere le persone giuste al momento giusto per risolvere problemi velocemente e just in time, ottenendo contributi dai migliori esperti presenti in azienda.

Le Comunità di Pratica
  • Le Comunità di Pratica ( CoP) si sono dimostrate la modalità più efficace per la condivisione e lo sviluppo di conoscenza e sono uno degli strumenti principali delle iniziative di knowledge management in Eni.

    Ogni Comunità di Pratica è costituita da un gruppo di persone che condividono conoscenze e problematiche relative ad un tema o ad una disciplina specifica, per interesse proprio e a supporto delle attività dell'organizzazione cui appartengono, e che accrescono le proprie conoscenze ed esperienze grazie alla reciproca interazione.


      
     

     
       
    Le CoP danno evidenza e concretezza alle reti relazionali che già esistono in qualsiasi organizzazione e grazie ad esse il knowledge management, nato inizialmente come uno strumento di efficienza, evolve e diventa una risposta organizzativa all'esigenza di creatività, innovazione e apprendimento continuo che incide in modo concreto sulla catena del valore dell'organizzazione.

Le CoP attive in Eni
  • Al 31 dicembre 2015 il sistema di knowledge management di Eni risulta composto da 67 Comunità di Pratica attive, sia su aree professionali di core business che di staff. Vi partecipano 8,266 persone.
    Per conoscere le iniziative di KM realizzate nel 2014 e i trend di diffusione clicca qui.




eni for 2014 Bilancio integrato Grafici interattivi
Toolbox
rssRSS e Podcast

Sottoscrivi i nostri feed

rssSMS e Mail Alert

Iscriviti al servizio di SMS e Mail Alert

calendarioCalendario
indietro
avanti

  • Do

  • Istituzionali
  • Assemblea degli azionisti
  • Finanziari
  • Cultura e incontri
  • Formazione e lavoro

Questa pagina è stata aggiornata il 24/02/16